Negli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di coaching e “cos’è il coaching?” è diventata una delle domande più comuni a cui è necessario dare una risposta. Cerchiamo di fare chiarezza e di rispondere alla domanda cos’è il coaching offrendo uno sguardo ampio, oltre, ovviamente alla definizione di Wikipedia.

Cos’è il Coaching

Ci sono diverse definizioni che cercano di dare una risposta alla domanda cos’è il coaching?
Infatti, se ne parla in numerosi testi e normative, ma quella più condivisa è che sia un processo grazie al quale un professionista, il Coach, aiuta una persona, singolarmente o all’interno di organizzazioni, a raggiungere i migliori livelli di performance personali.
La relazione di Coaching si fonda sulla convinzione che ogni persona abbia già tutte le risorse necessarie a raggiungere i propri obiettivi. Quello che fa il Coach è utilizzare alcune tecniche per aiutare il Coachee ad attivare queste risorse e gli strumenti che possiede per raggiungere i propri obiettivi personali e/o professionali.

Definizione della parola Coaching data dai testi

Ci sono moltissimi libri che affrontano il coaching e cercando di chiarire cos’è il coaching:

“Il Coaching è un metodo di sviluppo di una persona, di un gruppo o di un’organizzazione, che si svolge all’interno di una relazione facilitante, basato sull’individuazione e l’utilizzo delle potenzialità per il raggiungimento di obiettivi di cambiamento/miglioramento autodeterminati e realizzati attraverso un piano d’azione.”
(Pannitti – Rossi, L’essenza del coaching, Franco Angeli, 2012)

Cos’è il coaching secondo La Norma UNI 11601:2015

A seguito della Legge 4/2013, che disciplina le professioni non organizzate in Ordini o Collegi, il 12 Novembre 2015 è stata pubblicata la Norma UNI 11601:2015. Ecco cosa dice la Norma, rispetto alla domanda cos’è il coaching:

“Il Coaching è un processo di partnership finalizzato al raggiungimento degli obiettivi definiti con il Coachee (e con l’eventuale committente). L’agire professionale del Coach facilita il Coachee nel migliorare le prestazioni professionali e personali mediante la valorizzazione e il potenziamento delle sue risorse, capacità personali e competenze. Queste influenzano il potenziamento dei risultati e più in generale del benessere del Coachee.”

Le origini della parola Coaching

Proponiamo anche la definizione iniziale di coaching. Esiste una “Formula del Coaching” originaria, ed è quella proposta a metà degli anni ’70 dall’istruttore di tennis – oggi considerato il padre del Coaching – Timothy Gallwey per la quale la Prestazione (individuale o di team) è ottenuta dall’interazione tra l’utilizzo del potenziale disponibile con l’azione limitante delle interferenze interne ed esterne. Ecco la formula:

Prestazione = potenziale – interferenze

La formula ci consente di evincere che il coaching lavora sull’eccellenza della prestazione, sviluppando il potenziale e limitando le interferenze.

Cos’è il Coaching secondo ICF: International Coaching Federation

L’ICF (la più grande associazione mondiale di Coach professionisti, con oltre 30 mila associati in 138 paesi) definisce il Coaching come una partnership con i clienti che, attraverso un processo creativo, stimola la riflessione, ispirandoli a massimizzare il loro potenziale personale e professionale. Puoi trovare maggiori informazioni rispetto alla domanda cos’è il coaching, direttamente sul sito di ICF

Cos’è il Coaching secondo AICP: Associazione Italiana Coach Professionisti

AICP (iscritta nell’elenco delle associazioni professionali che rilasciano l’attestato di qualità e di qualificazione professionale dei servizi del Ministero dello Sviluppo Economico), definisce il coaching una metodologia che si basa su una relazione di partnership paritaria (tra il Coach e il suo Cliente) che, attraverso un rapporto commerciale (di espressa natura contrattuale), mira a riconoscere, sviluppare e valorizzare le strategie, le procedure e le azioni utili al raggiungimento di obiettivi operativi collocati nel futuro del cliente. Anche in questo caso, puoi trovare maggiori informazioni sul sito AICP

Il Metodo del Coaching

In quanto metodo, il Coaching si fonda e basa la sua efficacia su:

  • Relazione facilitante: una relazione volta a stabilire un’alleanza, una collaborazione ed un patto di lavoro tra due soggetti: il Coach e il/i Coachee (Cliente).
  • Sviluppo del potenziale: l’individuazione, l’allenamento e l’utilizzo del potenziale della persona o del gruppo.
  • Gestione delle interferenze: la presa di coscienza, la gestione e la trasformazione delle interferenze (interne/esterne) della persona o del gruppo.
  • Lo sviluppo della consapevolezza e della responsabilità: un cammino di crescita nella conoscenza di sé e del proprio ambiente, nella capacità di scelta e nella responsabilità agita.
  • Obiettivi e piani d’azione: per la trasformazione di una richiesta di cambiamento o di miglioramento, in obiettivi concretamente perseguiti.
  • Monitoraggio: il monitoraggio dei risultati attraverso fasi di report e di restituzione di feedback.

Le applicazioni del Coaching

Dall’ambito sportivo, in cui è ancora molto diffuso e ottiene importanti risultati, il Coaching ha trovato applicazione nell’ambito dello sviluppo personale, in quello professionale, nello sviluppo di Team, nel campo dell’educazione e dell’apprendimento. Insomma ovunque ci siano persone motivate a raggiungere dei risultati e a farlo mettendosi in gioco!

 

Puoi richiedere gratuitamente la nostra guida al coaching per scoprire più nel dettaglio cos’è il coaching e come funziona: