fbpx

Cos’è la disciplina

“Grazie all’acciaio della disciplina, forgerai un carattere ricco di coraggio e di pace. Grazie alla forza di volontà ascenderai al sommo della vita e potrai dimorare in una reggia colma di tutto ciò che è buono, gioioso e vivace. Senza queste virtù ti perderai come un marinaio senza bussola, che alla fine affonda insieme alla sua nave.”
Robin Sharma

L’etimologia del termine “disciplina” deriva dal latino “discipulus“, che significa “allievo” o “discepolo“. In origine il termine si riferiva alla formazione degli allievi, all’educazione che i maestri impartivano ai loro discepoli per trasmettere loro le conoscenze, le abilità e le virtù necessarie per diventare uomini di successo e di valore.

Oggi la definizione di disciplina si è evoluta e riguarda il complesso di norme che regolano la convivenza dei componenti di una comunità, di un istituto, imponendo l’ordine, l’obbedienza, e l’osservanza stessa di queste norme.

La disciplina ha origini lontane e filosofi come Seneca, Epitteto e Marco Aurelio hanno evidenziato l’importanza della disciplina mentale come mezzo per raggiungere la virtù e la tranquillità interiore, essenziale per vivere una vita buona e virtuosa.

Anche il Confucianesimo, con Confucio, ha promosso l’importanza della disciplina come parte del rispetto per l’ordine sociale e l’armonia. La disciplina viene infatti vista come un mezzo per mantenere l’ordine e il rispetto nelle relazioni familiari e sociali.

La disciplina anche per le religioni ha un’importanza rilevante. Per il Cristianesimo è spesso collegata all’idea di vivere secondo i precetti divini e le virtù cristiane. Nel Buddhismo la pratica della meditazione e l’adesione ai precetti morali richiedono una grande disciplina personale che diventa un mezzo per raggiungere l’illuminazione e la liberazione dalla sofferenza.

Nell’Islam la disciplina è una componente fondamentale della pratica religiosa, come dimostrano le preghiere quotidiane, il digiuno durante il Ramadan e l’osservanza delle leggi della Sharia.

La disciplina per una persona rappresenta la capacità di controllare e regolare il proprio comportamento per raggiungere determinati obiettivi o rispettare determinate norme.

La disciplina è quella capacità della mente di affrontare lo sforzo necessario per raggiungere gli obiettivi prefissati ed è strettamente collegata con la motivazione, perché maggiore è la motivazione, più semplice sarà avere disciplina.

La parola disciplina viene associata alla ‘materia’ oggetto di studi che viene insegnata, si riferisce all’atto di impartire una lezione o una correzione, di educare o di istruire, con l’obiettivo di far acquisire una conoscenza più approfondita e articolata.

La disciplina, se ci pensiamo bene, ha anche il significato esteso di regole che devono essere acquisite. Ne è un esempio la disciplina sportiva, uno sport con regole precise per lo svolgimento, oppure la disciplina militare che regola la vita di chi svolge quel ruolo e servizio, insomma tutto ha una disciplina.

A cosa serve la disciplina

La disciplina è una qualità essenziale per il successo e il benessere, poiché permette alle persone di fare scelte consapevoli, di pianificare a lungo termine e di mantenere il focus sugli obiettivi personali e professionali. Si tratta di un concetto che abbraccia vari aspetti della vita personale e professionale e riguarda anche l’autodisciplina, ovvero la capacità di imporre a sé stessi regole e limiti, e di mantenere la motivazione per seguire un determinato percorso nonostante le difficoltà o le tentazioni.

Anche la disciplina esterna è importante e riguarda le norme e le regole che vengono imposte dall’esterno, come quelle di un’istituzione scolastica, un posto di lavoro o un’organizzazione sociale. Sono un esempio le leggi da seguire, gli orari di lavoro da rispettare e aderire ai codici di condotta.

La disciplina serve e viene applicata anche alla disciplina morale ed etica, e riguarda l’adesione a principi morali ed etici, come l’integrità, l’onestà, e il rispetto per gli altri.

Anche nella sfera personale interviene la disciplina che coinvolge il mantenimento di standard professionali elevati, come la puntualità, la precisione, la responsabilità, e il rispetto delle regole e dei protocolli del proprio campo lavorativo.

Avere una solida e salda disciplina consente di mantenere la concentrazione e di lavorare costantemente per migliorare le abilità e le conoscenze. Inoltre, aiuta a sviluppare la capacità di pianificazione e di organizzazione, di definire obiettivi chiari e di elaborare strategie per raggiungerli.

Cosa insegna la disciplina

La cultura abbraccia la disciplina e l’istruzione.”
Immanuel Kant

La disciplina, come abbiamo visto, è la capacità di controllare le proprie azioni, comportamenti e pensieri al fine di raggiungere uno scopo specifico. Diventa la forza che ci spinge a rimanere concentrati e costanti nelle attività, anche quando affrontiamo ostacoli o tentazioni. Richiede autodisciplina, autocontrollo e la capacità di resistere alle distrazioni per perseguire un obiettivo a lungo termine.

Acquisire un valore come la disciplina rende le persone più responsabili e affidabili, sia verso sé stessi che verso gli altri. Infatti, essere disciplinati significa rispettare gli impegni presi, essere puntuali e affidabili, e rispettare le regole e le norme che regolano le relazioni sociali e professionali.

La disciplina consente di sviluppare la resilienza e la capacità di adattamento alle situazioni impreviste e ai cambiamenti che possono verificarsi nella vita, mantenendo la calma e la serenità di fronte alle difficoltà, forgiando l’autocontrollo e l’autoregolazione.

Tra gli insegnamenti della disciplina figura anche la capacità di conformarsi alle regole e alle norme essenziali per mantenere l’ordine e l’armonia in un gruppo sociale.

Anche nell’educazione e nella formazione del carattere la disciplina insegna l’atto di insegnare e imporre regole di comportamento per formare il carattere e le abitudini di una persona tramite l’insegnamento di valori come la puntualità, l’ordine, il rispetto e la responsabilità.

La disciplina insegna poi il rigore e la costanza da impiegare nel processo decisionale e nelle azioni verso un obiettivo specifico e in alcuni contesti, può anche riferirsi al sistema di punizioni e ricompense utilizzato per far rispettare le regole e correggere i comportamenti inappropriati.

Perché è importante la disciplina

Una mente disciplinata porta alla felicità, e una mente indisciplinata conduce alla sofferenza.”
Dalai Lama

La disciplina rappresenta il ponte che congiunge il pensiero, l’idea di fare qualcosa, al compimento, la realizzazione effettiva di quanto immaginato. È lo strumento che dalla necessità conduce all’appagamento.

La mancanza di disciplina conduce spesso al fallimento che è la conseguenza di tanti piccoli fallimenti che si sono accumulati per una disciplina debole. Ne emerge quindi l’importanza dell’oggi che contribuisce a causare il possibile fallimento di domani.

La disciplina permette di mantenere la concentrazione e la motivazione necessarie per raggiungere obiettivi a lungo termine, superando le difficoltà e le distrazioni. Aiuta a sviluppare qualità personali come la perseveranza, l’autocontrollo, la responsabilità e l’integrità.

Essere disciplinati consente di gestire meglio il tempo e le risorse, aumentando l’efficienza e la produttività sia nella vita personale che professionale, riducendo lo stress e aumentando la produttività.

La disciplina è importante per il benessere fisico e mentale ed è fondamentale per mantenere abitudini sane, come una dieta equilibrata, l’esercizio fisico regolare e una routine di sonno adeguata, che contribuiscono al benessere generale. Anche nell’autoregolazione emotiva la disciplina è di supporto nella gestione delle emozioni, evitando reazioni impulsive e sviluppando una maggiore resilienza di fronte allo stress e alle sfide della vita.

Nelle relazioni interpersonali e sociali la disciplina aiuta a mantenere l’ordine e la coesione all’interno di gruppi e comunità, garantendo che le persone rispettino le leggi e le norme sociali, contribuendo alla sicurezza e alla stabilità e contribuisce a mantenere relazioni sane e rispettose con gli altri, favorendo la comprensione e la cooperazione.

Nel contesto lavorativo, la disciplina è essenziale per rispettare scadenze, seguire procedure, lavorare in modo efficiente e mantenere relazioni professionali positive. Persino nella gestione delle Finanze la disciplina finanziaria permette di gestire in modo responsabile le risorse economiche, evitando sprechi, risparmiando e pianificando per il futuro.

Per la crescita personale la disciplina favorisce lo sviluppo di abitudini positive e costruttive. Attraverso la pratica costante e la perseveranza, si possono migliorare abilità e competenze, portando a una crescita personale continua.

Come si impara la disciplina

“Non c’è più grande conquistatore, di chi è riuscito a conquistare sé stesso.”
Henry Ward Beecher

C’è una buona notizia: la disciplina è come un muscolo: più lavori per svilupparlo e utilizzarlo, e più forte diventa. È un processo che richiede impegno, pazienza e pratica costante. La disciplina personale richiede tempo per svilupparsi, è importante quindi essere pazienti e perdonare gli errori per il progresso continuo.

È importante iniziare scegliendo un solo obiettivo che sia chiaro, specifico e realistico, che dovrebbe essere SMART (Specifici, Misurabili, Achievable [Raggiungibili], Realistici, Temporizzati). Iniziare da un solo obiettivo è il modo migliore per sviluppare la disciplina mantenendo la motivazione e la concentrazione. Un altro modo utile per mantenere la disciplina e la motivazione è quello di dividere gli obiettivi grandi in compiti più piccoli e gestibili che rende più facile fare progressi costanti.

Una volta identificato l’obiettivo è importante elencare i motivi, in modo positivo, per cui si vuole raggiungere. È importante praticare l’autocontrollo e imparare a dire no alle tentazioni che possono distrarre dai propri obiettivi. Riconoscere i progressi fa parte del processo di formazione della disciplina ed è importante celebrare i piccoli successi, utili ad aumentare e fortificare la disciplina. Tenere un diario può aiutare a identificare i punti di forza e le aree da migliorare.

Una routine ben strutturata aiuta a creare una struttura che facilita la disciplina. Si può iniziare con piccole abitudini che si possono mantenere e aumentare gradualmente e che vanno a sostituirsi con quelle precedenti. Infatti, se non si sostituiscono le vecchie abitudini con qualcos’altro, l’assenza diventerà ancora più evidente e cercherà di ripresentarsi quella precedente.

Una disciplina passa anche attraverso la pianificazione della giornata e del tempo. Diventa quindi utile utilizzare agende o strumenti digitali per pianificare le attività quotidiane, che devono tenere conto di includere tempi di lavoro, pause e momenti di relax. Altro importante accorgimento è quello di prioritizzare le attività usando una lista di cose da fare e assegnare priorità in base all’importanza e all’urgenza.

Infine, è importante adottare uno stile di vita sano, curare il benessere fisico e mentale. Infatti, un corpo sano supporta una mente sana. Esercizio fisico regolare, una dieta equilibrata e un sonno adeguato sono fondamentali. Anche praticare la meditazione e altre pratiche di mindfulness possono aiutare a migliorare la concentrazione e ridurre lo stress accrescendo la disciplina.

Gli ostacoli alla disciplina

E la disciplina la si chiede prima di tutto a sé stessi. Altrimenti come può un buon comandante impartirla ai propri uomini?”
Donato Carrisi

La disciplina, come abbiamo visto, è un’alleata fondamentale per il benessere personale diventando un grande potere personale da utilizzare. Le persone disciplinate sono quelle che ottengono di più. Sono quelle che trasformano le azioni in abitudini e i sacrifici in successi.

Tuttavia, sono numerosi gli ostacoli alla disciplina che si possono incontrare. Tra i più comuni, la procrastinazione, ovvero rimandare compiti importanti a favore di attività più piacevoli o meno impegnative. È importante utilizzare la tecnica del pomodoro e stabilire scadenze chiare iniziando con piccoli passi per ridurre la resistenza.

La mancanza di fiducia nelle proprie capacità può ridurre la motivazione a perseguire obiettivi a lungo termine. È importante lavorare sulla propria autostima attraverso l’autocompassione, riconoscere i propri successi e cercare feedback positivi.

Strettamente collegata alla mancanza di fiducia è la paura del fallimento, ovvero la paura di non riuscire che può paralizzare e impedire di agire. Diventa quindi importante accettare che il fallimento fa parte del processo di apprendimento e vedere gli errori come opportunità di crescita mantenendo una mentalità positiva.

Anche la mancanza di obiettivi chiari è un ostacolo alla disciplina. Infatti, non avere obiettivi ben definiti rende difficile mantenere la motivazione e la concentrazione. È opportuno stabilire obiettivi specifici, misurabili, raggiungibili, realistici e temporizzati.

La motivazione è fondamentale. Infatti, senza una forte motivazione, è difficile mantenere la disciplina a lungo termine. È importante collegare gli obiettivi a valori personali significativi, utilizzare ricompense e celebrare i successi.

Le distrazioni sono un altro degli ostacoli alla disciplina in quanto provocano interruzioni e tentazioni che distolgono l’attenzione dai compiti importanti. Diventa importante creare un ambiente di lavoro privo di distrazioni, limitare l’uso dei social media e impostare blocchi di tempo dedicati al lavoro.

Oltre alle distrazioni anche la mancanza di pianificazione diventa un ostacolo alla disciplina. Infatti, senza una pianificazione adeguata, è facile perdere la direzione e la motivazione. È necessario pianificare le attività quotidiane, settimanali e mensili, usando strumenti come agende e app di gestione del tempo.

Sembrerà strano ma anche il perfezionismo è nemico della disciplina. L’ossessione per la perfezione può portare a ritardi e frustrazione è quindi importante accettare che il “buono abbastanza” è sufficiente, fissare scadenze realistiche e imparare a delegare quando possibile.

Le abitudini negative sono dannose e possono sabotare la disciplina. Per superarle, è necessario sostituire gradualmente le abitudini negative con quelle positive, utilizzando tecniche di condizionamento per rafforzare i comportamenti desiderati.

La disciplina e lo sport

La disciplina nello sport è fondamentale oltre che essere un elemento chiave per il successo. Infatti, il legame tra attributi mentali positivi e sport fa parte della cultura umana fin dalle prime civiltà. Attraverso la pratica sportiva, gli individui imparano lezioni preziose che possono essere applicate anche in altri ambiti della vita. La combinazione di disciplina fisica, mentale e sociale contribuisce alla formazione di un carattere forte e resiliente, capace di affrontare le sfide con determinazione e integrità.

Lo sport diventa la palestra di vita di ogni individuo: insegna ad affrontare le difficoltà, a fare sacrifici, a non abbattersi mai, a migliorare il rapporto con sé stessi e ed avere più rispetto verso gli altri.

Lo sport instaura una disciplina fisica che prevede una fitta routine di allenamento dove gli atleti seguono rigidi programmi che richiedono impegno costante, che aiuta a sviluppare la resistenza fisica e mentale. Grande disciplina ci va anche nella preparazione e nel recupero dove si seguono pratiche rigorose di riscaldamento e recupero, fondamentali per prevenire infortuni e migliorare le prestazioni.

Importante è soprattutto la disciplina mentale. La concentrazione e il focus sono fondamentali negli sport che richiedono un alto livello di concentrazione. Gli atleti devono infatti essere in grado di mantenere il focus per periodi prolungati e durante situazioni di alta pressione.

La gestione dello stress rientra nella disciplina per ottenere buone prestazioni. La disciplina mentale aiuta gli atleti a mantenere la calma e a prendere decisioni rapide e accurate.

Ruolo importante della disciplina nello sport è il lavoro di squadra. Molti sport richiedono una stretta collaborazione tra i membri del team e la disciplina aiuta gli atleti a rispettare i ruoli e le responsabilità all’interno della squadra. Ogni sport ha poi le sue regole, e rispettarle è fondamentale per un gioco corretto. La disciplina implica quindi anche accettare le decisioni degli arbitri e comportarsi in modo sportivo.

Infine, lo sport aiuta lo sviluppo del carattere. Determinazione e perseveranza per non arrendersi di fronte alle difficoltà rafforzando la determinazione necessaria per superare gli ostacoli.

Il coaching a supporto della disciplina

Lo sport è sinonimo, spesso, di competizione e massimi risultati che compongono la performance sportiva.

Negli ultimi anni l’aspetto mentale è sempre più posto all’attenzione di uno sportivo in quanto accresce la capacità dell’atleta di concentrarsi, cura lo stato emozionale ed il livello motivazionale e aumenta la capacità di focalizzare obiettivi sfidanti.

Il coaching è applicato allo sport diventa uno strumento per migliorare le performance sportive e aiuta a focalizzarsi sugli obiettivi e le motivazioni che spingono un’atleta a gareggiare per raggiungere i risultati.

Lo Sport Coaching aiuta a migliorarsi soprattutto perché agisce sull’aspetto mentale dell’atleta.

Il coaching nello sport si basa su una relazione di fiducia tra l’atleta o la squadra e il coach che deve essere in grado di comprendere le esigenze dell’atleta o della squadra e fornire loro le competenze e gli strumenti necessari per migliorare le prestazioni. Il mental coach sportivo motiva e incoraggia gli atleti o la squadra a raggiungere i loro obiettivi, sviluppando l’autostima e la fiducia in sé stessi. Interviene sulla motivazione, sulla forza di volontà, sull’atteggiamento e sulle dinamiche che incidono sulla performance.

Il coaching sportivo può essere svolto individualmente, attraverso delle sessioni di coaching o in gruppo, attraverso attività di group coaching e può essere utilizzato in diversi contesti, come le squadre sportive, le competizioni individuali e il fitness personale.

Come diventare Sport e Performance Coach

Master Coach Italia offre nel suo percorso di formazione anche la specializzazione in Sport e Performance Coaching. Si tratta di un corso formativo di 5 moduli specifici e mirati per lavorare come sport e performance coach.

Il corso della durata di 42 ore tra formazione teorico-pratica, fornisce gli strumenti, esercizi e tecniche per lavorare come sport coach e come performance coach e si rivolge esclusivamente a coloro che sono già Coach e desiderano specializzarsi nel mondo dello sport coaching e della performance per intraprendere la carriera di Sport Coach e lavorare con gli atleti e tutte le forme di performance.

Al termine del percorso verrà rilasciato l’Attestato di Sport e Performance Coach.