Di seguito il racconto di Cesario Manco. Il coach Cesario ci spiega come ci si muove nella vita alla ricerca del TALENTO (clicca qui).

Io e.. il Maestro.

Ho fatto un sogno. Ero in un ambiente grigio, non si vedeva bene ciò che c’era intorno a me. Ad un tratto vedo una porta. La apro senza pensarci e vengo avvolto da una LUCE FORTE, potente. Quasi accecante. A pochi metri c’era un uomo. Mi avvicino e gli chiedo “Chi sei?” “Dove sono?” ”Cosa ci faccio qui?”

L’uomo mi guarda e sorride. I suoi occhi azzurri mi illuminano. “Quante domande” sussurra.

“Tu lo sai chi sei?” mi chiede.

Provo a dirgli il mio nome ma quando alzo lo sguardo le parole non escono. Improvvisamente mi sento un vuoto dentro e non capisco il perché. L’uomo mi prende per mano e mi chiede di seguirlo. “Io sono il MAESTRO” dice. Lo seguo ma mi sento sempre più piccolo.

Camminiamo in una stanza grandissima e una volta raggiunto il centro ci fermiamo. All’improvviso intorno a me appaiono tante immagini. Rivedo la mia vita. Tutta la vita da quando ero BAMBINO. Piango. Non riesco a trattenere l’emozione di ciò che sta accadendo. Prendo coraggio egli chiedo: “Sono morto, non è vero?”.

(Maestro) “Diciamo che sei morto tante volte”

(Io) “Cosa significa?”

(Maestro) “Sei morto ogni volta che hai rinunciato a essere te stesso

(Io) “Non capisco..”

(Maestro) “Guardati intorno.. cosa vedi in queste immagini che scorrono davanti ai tuoi occhi?”

(Io) “Vedo la mia vita

(Maestro) “Guarda meglio, non soffermarti alla SUPERFICE. Guarda te stesso. Guarda i tuoi occhi, le tue espressioni, i tuoi respiri.”

Mi accorgo che ciò che stavo vedendo non era il “Best of” della mia vita. Anzi, erano tutti i momenti in cui mi ero smarrito. Tutti i momenti in cui ho gettato la spugna e ho cercato un cambiamento per risolvere qualcosa. Il Maestro aveva ragione. I miei sguardi erano spesso tristi e pieni di rabbia con me stesso. Le mie espressioni malinconiche. E il mio respiro pesante. Vedevo tutte le scelte “OBBLIGATE” che avevo fatto. Mille situazioni e decine di lavori cambiati in pochi anni.

“Chi sei?” mi chiede

“NON LO SO PIU’” rispondo.

Eppure sono sempre stato bravo a dispensare consigli e suggerimenti. Gli amici mi ritengono fondamentale nell’aiutarli a capire determinate situazioni. Ho uno splendido rapporto con tantissime persone. Con mia moglie ho un bel dialogo e riesco ad aiutarla spesso. Perché con me stesso non funziona??

“Non stai rischiando abbastanza”.

La voce del Maestro entra nella mia testa. Ma non stiamo parlando! Il mio era solo un ragionamento, come ha fatto a sentire??

“Sono il Mestro, te l’ho detto.” Mi dice.

(Io) “Allora cosa devo FARE?”

(Maestro) “Questo tu lo sai già

Io “Ma….”

(Maestro) “Basta! Basta scuse.

Il talento non va sprecato.

Esiste una legge dell’universo e ogni persona deve stare nel posto giusto per sé stesso. Tu non sei nel posto in cui devi stare. Vivi il tuo TALENTO al 100% e ogni tassello tornerà al proprio posto. Tutto ti sembrerà più chiaro. Ogni risposta che cerchi arriverà! Ma se continui a perdere tempo il cerchio della vita non si chiuderà e continuerai a non superare tutte le prove che la vita ti mette davanti. Guarda tu stesso il tuo passato. Quante volte hai fatto le STESSE SCELTE? Quante volte hai VINTO? Ognuno di noi è nato per uno SCOPO. Comprendi il tuo e vivi per quello scopo. Solo allora la vita ti darà ciò che vorrai. Fino a quel momento (la vita) ti darà solo ciò di cui hai bisogno.

Apro gli occhi con il cuore a mille. Sono nel mio letto.

E’ stato solo un sogno. O forse no.

Mi alzo e sento un’energia pazzesca dentro di me. Devo AGIRE ! La vita è adesso.

Grazie Maestro

Cesario Manco

(Coach MCI e refernte scuola di coaching Lecce)

Related Post