Self-Coaching significa apprendere degli strumenti e delle abilità che ti consentono di affrontare al meglio i cambiamenti, di tirare fuori tutto il tuo potenziale e di essere la migliore versione di te!

Quindi, il Self-Coaching è un percorso (individuale o di gruppo) che modifica gli atteggiamenti, i comportamenti, gli schemi mentali inefficaci.

Inoltre, non è retrospettivo, ma è orientato al presente e al futuro.
Nel Self-coaching ci interessa DOVE stiamo andando e COME ci vogliamo andare.
E’ una palestra della mente!

Quindi, è un percorso estremamente pratico e pragmatico. Si lavoro in modo concreto su ciò che ci impedisce di esprimere il nostro potenziale e su quali sono le strategie per liberare questo potenziale.

Inoltre, si forniscono strumenti pratici per affrontare con fiducia, sicurezza e abilità le sfide del presente e del futuro.

Ovviamente, non si tratta di affrontare sofferenze psicologiche, né tantomeno di esaltazione del sé. Piuttosto, una coerente valorizzazione del proprio sé e l’acquisizione di abilità che ci rendono più efficaci, più resilienti e flessibili.

Il Self-coaching si rifà all’approccio tipico del coaching: conoscere se stessi, interrogarsi, ampliare la prospettiva su di sé e sul mondo esterno, innalzare i livelli di consapevolezza e attenzione e, infine, migliorarsi.

E’ un percorso ampiamente richiesto in questo nostro tempo. Come specificato in questo articolo di VanityFair: clicca qui

In ultima analisi, il Self-Coaching è un percorso che ti rende autonomo!
Tutto quello che apprendi, tutto ciò che sperimenti e l’insieme di strumenti che ti vengono mostrati, diventano tuoi!
Pertanto, impari ad essere autonomo, impari ad affrontare i cambiamenti e a muoverti con efficacia tra le sfide della vita.

La Scuola di Coaching MCI è l’esempio di un percorso formativo ed evolutivo che ti consente di sviluppare il Self-Coaching: clicca qui

Related Post