“Più conosci ed esprimi gratitudine per le cose che hai, più cose avrai per esprimere gratitudine” Zig Ziglar

Secondo il Vocabolario della lingua Italiana, il termine GRATITUDINE deriva dal latino gratus e sta ad indicare una disposizione d’animo affettuosa verso chi ci ha fatto del bene.

Molto spesso dimentichiamo il legame che c’è tra il nostro senso di infelicità e la gratitudine.

Quando ci sentiamo insoddisfatti, quando ci lamentiamo per quello che ci manca, stiamo focalizzando la nostra attenzione sul problema e non sulla soluzione funzionale per risolvere il problema.

La lamentela amplifica le nostre emozioni negative e porta inevitabilmente ad uno stato di malessere e demotivazione.

Come fare allora?

Se vogliamo ottenere dei risultati positivi e affrontare gli imprevisti della vita, dobbiamo cambiare diversi aspetti, tra cui il nostro ATTEGGIAMENTO.

Ebbene sì, dobbiamo iniziare a fare esattamente il contrario di ciò che abbiamo fatto finora.

Ed è qui entra in gioco la Gratitudine.

Quando ringraziamo qualcuno o qualcosa stiamo spostando la nostra attenzione dallo stato problema allo stato desiderato.

In questo modo entrano in circolo una serie di emozioni positive che ci permettono di diventare più creativi, più produttivi, più soddisfatti, più felici.

Se pensiamo a tutto quello che di negativo ci accade nella vita, continueremo a vedere solo quello che di negativo c’è, viceversa, se pensiamo a tutto quello che di buono abbiamo o abbiamo ricevuto, cambieremo il nostro punto di vista e riusciremo a guardare oltre.

L’ articolo del Mental Coach Pasquale Adamo dal titolo “Intuito e Immaginazione”  è molto interessante, perché offre la possibilità di comprendere quanto il concetto di Gratitudine sia fortemente collegato proprio al concetto di Immaginazione. (clicca qui)

Come?

Allenando la Gratitudine con l’Immaginazione.

Ti consiglio un semplice esercizio da svolgere ogni sera, prima di andare a dormire:

  1. Metti per iscritto, per 1 settimana almeno, un elenco di tutto quello che di buono è successo, tutte le emozioni positive provate durante la giornata che sta terminando. Se hai avuto una pessima giornata, dovrai impegnarti ulteriormente nel cercare il positivo!
  2. Ringrazia per tutto quello che la giornata ti ha portato.
  3. Ringrazia anche per tutto quello che non hai ottenuto, con la consapevolezza che ti dovrai impegnare di più per ottenerlo.

I pensieri positivi prima di dormire favoriscono il sonno e permettono di guardare la realtà che si sta vivendo con positività.

Puoi svolgere questo esercizio anche nel corso della giornata.

Dopo 1 settimana, rileggi ciò che hai scritto e porta la tua attenzione a cosa è cambiato dentro di te. E’ dal cambiamento interiore che dobbiamo partire, se vogliamo ottenere un cambiamento all’esterno!

Adriana Barletta
(Coach MCI e Referente Scuola di Coaching MCI – online)

Related Post