Ogni confine serve per de-limitare, de-finire uno spazio, un tempo, un concetto, un percorso.

I confini li possiamo immaginare come delle  linee che, per svariati motivi, andiamo a contrassegnare virtualmente per proteggerci da sofferenze, ansie o paure.

Ma tante volte, invece, vorremmo varcarli quei confini, ma siamo frenati dal timore di poter soffrire o di non essere all’altezza di superarli.

Confini rappresentati da un lavoro che non ci soddisfa, o  da una relazione dolorosa, o da  una  forma-mentis che non ci appartiene più.

Il Mentor Coach Davide Tambone durante il 1° modulo fotografia del percorso OLTRE I CONFINI ATTRAVERSO L’ARTE ci ha saputo accompagnare a cercare quei confini dentro di noi che se vogliamo possiamo superare per vedere oltre le barricate che ci ostruiscono il passaggio e superare i propri confini!
Attraverso la fotografia è possibile intravedere , cio’ che quell’immagine o ritratto ci sta raccontando. Cogliendo uno sguardo, uno scintillio di luce oppure ombre nere.

IL MIRINO DI UNA MACCHINA FOTOGRAFICA può attraverso UNO SCATTO FOTOGRAFICO creare in noi azioni per  superare quelle linee che ci raccontiamo, quei confini che immaginiamo.

Il ritratto che otterremo ci parlerà di noi, ci rivelerà parti sconosciute di noi, che abbiamo messo da parte nelle stanze interiori del subconscio, come un bellissimo vestito dimenticato che riteniamo non poter indossare.

La fotografia, uno tra i vari strumenti che utilizzeremo nel percorso OLTRE I PROPRI CONFINI ATTRAVERSO L’ARTE, ci insegna la bellezza di guardare fuori per guardarci dentro!
Tante volte nel fermarci al confine ci neghiamo la possibilità di conoscere cosa esiste al di là della linea demarcata.

Io ho scelto di varcare la soglia e guardare oltre i confini per conoscere i nuovi orizzonti dentro di me scegliendo di far emergere pian piano i miei talenti.

Nica Ruospo
Coach MCI

Related Post